A.A.A Personal Branding cercasi disperatamente

Highlander

Molto spesso quando parliamo di personal branding nei nostri corsi sul digitale, le persone storcono il naso e la vedono come un’invenzione ‘markettara’ e narcisistica in grado di mercificare i professionisti

A meno che uno non abbia vissuto su un isola deserta o in un convento di clausura negli ultimi decenni, stiamo vivendo in un epoca in cui soltanto coloro in grado di trasmettere fiducia e valore saranno in grado di andare avanti, volente o nolente. Un po’ come nel film Highlander, molti mestieri scompariranno, spazzati via dall’automazione sempre più crescente ed i paesi non sono pronti, come se ne parla in in questo post di Paola Bonomo; la ripresa, semmai  arriverà, sarà sempre più jobless.

Quindi, se vuoi avere delle chance, ovvero farti conoscere, emergere dall’esercito di professionisti pronti a spartirsi una torta di business sempre più piccola, devi farti conoscere, apportare valore per generare influenza, dimostrare quello che sei, ovvero lasciare il segno.

Andrés Pérez Ortega nel suo illuminante, oltreché davvero entusiasmante libro Marca personal para dummies parte da una definizione negativa:

√ Il Personal Branding non è manipolazione
Non implica l’uso di mezzi distorti per proporsi e per diventare l’unique selling proposition.
Sviluppare una strategia di personal branding non significa cercare di essere diverso da quello che si è, ma mostrare concretamente all’insegna del ‘dimostrami quello che sai fare’.

√ Il Personal Branding non è egoismo
La tua strategia sarà priva di valore se non è in grado di creare relazioni, influire positivamente sugli altri. Infatti i brand più memorabili sono quelli di cui le persone parlano e non viceversa. Se generi solo del ‘buzz’, senza soddisfare delle esigenze concrete, per quale motivo dovrebbero avere fiducia in te?

√ Il Personal Branding non è uno slogan
Sebbene vanno molto di moda gli elavor pitch, sviluppare una strategia di personal branding è frutto di un lungo processo di riflessione personale, non riconducibile solo a saper comunicare in modo breve chi siamo e cosa facciamo.

Ci sono milioni di persone con caratteristiche e competenze simili alle tue che potrebbero svolgere il tuo lavoro, cosa ti differenzia da loro? Sviluppare una strategia di personal branding può aiutarti a scoprirlo. 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *