Agli europei piace l’e-commerce

Sono numeri importanti quelli della crescita dell’e-commerce in Europa

american express advertising

Pur con le solite differenze fra i paesi più avanzati e moderni del nord, rispetto ad un sud che sonnecchia anche in questo settore.

E fra le belle addormentate,  anche l’Italia, terzultima pur con un 17% di persone attive online che utilizzano la rete anche per fare acquisti.

Dietro di noi, solo la Bulgaria (9%) e la Romania (5%). Non un grande risultato per la nostra economia digitale tenuto anche conto che molti degli acquisti degli italiani sono fatti sui siti dei grandi dell’e-commerce mondiali e ciò anche per una scarsa presenza di aziende italiane nell’ e-commerce.

La crescita totale dell’e-commerce europeo è stata del 45% nel 2012, vale a dire che in media su 100 navigatori europei, 45 acquistano online prodotti  e servizi.

E, al di là delle medie, i primi in classifica sono quel 74% di svedesi e il 73% di danesi e britannici.

In particolare per i britannici la crescita notevole è anche dovuta alla crisi: i sudditi di Elisabetta II vanno online a trovare occasioni di risparmio, e in ogni settore, alimentari compresi.

Sul mancato amore degli italiani per l’e-commerce giocano a sfavore anche la scarsa diffusione di strumenti di pagamento elettronici come carte di credito e di debito.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.