Amazon prevede il futuro

L’analisi dei dati per sapere cosa il cliente ordinerà

Cat with a crystal ball

Amazon pensa di conoscere così bene i suoi clienti da spedire il prossimo pacco prima che il cliente lo ordini.

Un metodo recentemente brevettato dal distributore online che definisce come iniziare a spedire un oggetto ancora prima che il cliente pensi e decida di acquistarlo

Si tratta di una tecnica che serve a tagliare i tempi di consegna e scoraggiare i consumatori da visitare negozi fisici, che stanno per diventare un problema per i rivenditori online, grazie al fatto che, soprattutto quelli di prossimità, hanno l’indubbio vantaggio della consegna immediata e del poter far toccare e/o restituire la merce, oltre a poter chiedere consigli a un commesso in carne e ossa.

La tecnica di Amazon non ha niente di magico, né di esoterico, ma si basa sull’analisi predittiva, che a sua volta si basa sulla storia del cliente, sul suo profilo e su altri fattori, come le liste dei desideri e i prodotti resi in passato, e anche su quanto tempo il puntatore passa su un determinato oggetto in vendita, tutti dati che possono dire in anticipo ai sistemi informativi quale sarà il prossimo ordine del cliente.

Ovviamente il sistema non prevede che il pacchetto sia consegnato, anche se non ordinato, ma serve per velocizzare il trasferimento dell’oggetto da un punto di stoccaggio all’altro in modo che sia quello più vicino all’indirizzo del cliente quando (e se) questi farà l’ordine.

Quindi si tratta di un sistema per ottimizzare la logistica in modo da poter consegnare l’oggetto il giorno successivo o anche il giorno stesso, soprattutto se si tratta di oggetti popolari, come un libro o un DVD di successo, per i quali l’analisi predittiva può essere ancora più accurata.

E nel caso di errori, ovvero pacchetti consegnati senza il cliente volesse l’oggetto, sono previsti sconti, se il cliente lo tiene comunque, e addirittura di poterglielo regalare!

Anche perché, in alcuni casi, rimandarlo indietro, alla fine, costa più dell’oggetto in se.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.