Axelle Despiegelaere, la tifosa del Belgio scaricata da L’Oreal

Il Mondiale di calcio 2014 che si è appena concluso non sarà solo ricordato per la clamorosa sconfitta dei padroni di casa nella semifinale contro l’Olanda.

Sarà ricordato anche per il caso di Axelle Despiegelaere, la bella tifosa belga notata da L’Oreal durante una partita e ingaggiata dall’azienda di prodotti cosmetici francese.

Axelle Despiegelaere tifosa

Axelle Despiegelaere, la bella tifosa del Belgio

 

Un caso da manuale di digital reputation iniziato e finito con una foto, a dimostrazione di quanto la contagiosa viralità della rete sia in grado di cambiare il destino delle persone, nel bene e nel male.

Sul suo profilo di Facebook, Axelle aveva postato questa foto che le ha costato la sua carriera di modella: “Cacciare non è una questione di vita o di morte. E’ molto più importante di questo. Succedeva un anno fa, oggi sono pronta per cacciare gli americani”.

 

Axelle Despiegelaere safari Africa

 

Nell’unico e cliccatissimo video prodotto da L’Oreal che la vede protagonista, Axelle viene definita come “la più bella tifosa del Belgio”. A nulla sono valse le scuse della ragazza, sostenendo che “era solo un gioco”. Troppo tardi, come spesso accade nelle crisi di reputazione.

 

 

Per L’Oreal, già alle prese in passato con problemi legati all’accusa di sperimentazione sugli animali, l’immagine pubblica della ragazza era ormai già compromessa.

Se vuoi capire come costruire e gestire la tua reputazione online, registrati alla newsletter di Digital Vizir per rimanere aggiornati sulle tante novità in arrivo.

2 commenti
  1. Gianluca Marcellino
    Gianluca Marcellino dice:

    Un caso di scuola per semplice e veloce collegamento tra cause ed effetti. Attenzione ora a superare il naturale impulso al senno di poi di noi maturi baby boomer migranti digitali rispetto alle imprese di più giovani. La signora ha fatto probabilmente un investimento sagace e pianificato, evidentemente vanificato da una comunicazione meno saggia.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *