La corsa verso il tartufo

 

Oggi voglio scrivere proprio per te, che stai facendo un passo importante, ripensando a tutta la tua strategia ON-OFF line e che magari hai bisogno di una mano oppure uno stimolo, semplice ma concreto.

Si, proprio te, che hai un business bonsai, piccolo ma prezioso da rilanciare, con pazienza, determinazione e costanza, che hai ripreso in mano il tuo progetto online dimenticato da parecchio tempo.

Una volta una persona con cui non sono ormai in contatto mi disse una cosa che senz’altro ricorderò per sempre:

Gestire un biz oggi è come fare una maratona

La scoperta dell’acqua calda? Forse si, forse no…

Una cosa è certa l’importante è iniziare, non farsi prendere dalle manie di perfezionismo, altrimenti non ti lanceresti mai alla piscina, devi avere fiato, perché la corsa è lunga…

Ci saranno tappe in salita, mooolta salita, altre in falso piano, momenti in cui ti troverai la strada sbarrata e dovrai magari tornare indietro, ricalcolare il percorso per arrivare alla meta che nel frattempo può essere diversa da come l’avevi inizialmente immaginato… Eh si, proprio così 🙂

L’importante è #nevergiveup come dicono gli americani…

Nel corso di questo viaggio, t’imbatterai in diversi tipi di persone, alcune faranno un pezzo di strada con te, ti faranno scoprire aspetti nuovi, qualcuno direbbe opportunità, perché sarai pronto ad ascoltare e accogliere ogni spunto come crescita non solo professionale.

Troverai anche persone, personaggi e macchiette a cui non piacerai affatto, che troveranno ogni spunto per deridere quello che fai, magari pesterai il callo, anche involontariamente, a qualche carismatico personaggio più o meno noto, ma chi se ne frega, non te la devi prendere mai. Tutto si aggiusta in questo mondo…

Un certo Schiller disse:

Non puoi piacere a tutti con la tua azione e la tua arte

E poi aggiunse:

“Rendi giustizia a pochi. Piacere a molti è male”

Un embrione del concetto di nicchia, non trovi? 🙂

 

Una nicchia che per essere tua la devi conquistare, per non dire “sudare”. E per conquistarla dovrai risolvere un suo problema concreto.

Un problema concreto che le persone siano disposte a pagare per risolvere, ovvero che non ci sia una soluzione gratuita in giro, of course 😛

Quindi, non ti serve lanciare l’amo negli stagni paludati, quelli più affollati e magari puzzolenti, per diventare un NichePreneur ma scovare dove si trova la Tua nicchia, proprio come un cane da tartufo.

E come lo spiega Susan A. Friedman nel suo “Riches in Niches”.

 

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.