Scommessa sul digitale di P&G

P&G investe il 30 percento del suo budget pubblicitario nei mezzi digitali

Le marche di P&G

Il 24 gennaio, Procter & Gamble, la conglomerata che possiede marchi come Olaz, Pantene, Gillette e Duracell, ha comunicato che continuerà a investire nel digitale anche nel 2014, soprattutto sui social media e nella pubblicità mobile, investendo il 30% della sua spesa totale in comunicazione, e questo perché il ritorno sugli investimenti da queste operazioni deriva da una maggiore efficienza nel comunicare con i mercati target.

Secondo P&G, il digitale consente un’efficace finalizzazione del messaggio rivolto al consumatore mentre, ad esempio, la pubblicità televisiva resta troppo generalista per colpire un particolare segmento di pubblico. La comunicazione digitale, invece, permette di trasmettere un contenuto specifico per uno specifico pubblico, a costi molto più contenuti e con una possibilità di controllo davvero ineguagliabile.

Quest’attenzione all’efficienza alla comunicazione pubblicitaria deriva dal fatto che P&G ha visto diminuire le vendite per tre mesi consecutivi, con ricavi scesi del 16%.

P&G ha comunicato che circa il 35% del suo budget per gli Stati Uniti è stato allocato per il digitale, ma non ha rilasciato una cifra per il business globale.

Questi investimenti hanno già generato interessanti risultati, come quelli della campagna per la linea uomo Old Spice, che ha generato 700 milioni di impression, la stragrande maggioranza delle quali, gratuite, generate tramite mezzi di comunicazione social.

La campagna per le batterie Duracell ha generato 1,7 miliardi di impression nelle due settimane dal lancio negli Stati Uniti, il 10 gennaio.

Per P&G c’è quindi una stretta attenzione al digitale che verrà sempre di più integrato in campagne globali che utilizzeranno tutti i tutti i mezzi d’informazione.

La rivale Unilever ha comunicato che ha investito, nel 2013, il 17% della sua spesa in comunicazione sul digitale.

Comunicare è sempre di più Digital or Nothing, e se vuoi saperne di più, il 22 febbraio c’è un nostro corso qui.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *